INTRODUZIONE

lobsang_sangay
Per milioni di persone in tutto il mondo il Tibet evoca immagini di Sua Santità il Dalai Lama, di paesaggi contornati da vette innevate, di nomadi sorridenti e di monaci in preghiera.

Ma in Tibet, ai nostri giorni, la realtà è più dura: una terra occupata dai cinesi da oltre cinquant’anni, un incalcolabile numero di vite umane perdute, una cultura sull’orlo della scomparsa. L’intensità della repressione ha raggiunto un livello tale che, dal 2009, 130 tibetani hanno scelto di immolarsi con il fuoco come forma di protesta politica.

Tuttavia, nonostante le incredibili sfide lanciate da una Cina in rapida crescita, i tibetani sono coraggiosamente determinati a trovare una pacifica soluzione, una “genuina autonomia”, attraverso il dialogo con la Repubblica Popolare Cinese. Conosciuto come la “Via di Mezzo”, questo approccio fu ideato da Sua Santità il Dalai Lama e ricevette il massimo sostegno da parte del popolo tibetano. Sua Santità è universalmente conosciuto per i suoi incessanti sforzi volti alla ricerca di una pace universale basata sulla nostra comune umanità e l’Approccio della Via di Mezzo (Umaylam in lingua tibetana) è parte dell’eredità che Sua Santità il Dalai Lama offre al mondo per trovare una pacifica soluzione dei conflitti. Ci insegna come affrontare un conflitto basandosi su principi quali il dialogo, la non-violenza e una proposta in grado di soddisfare entrambe le parti. La situazione del Tibet rende evidente come questo approccio possa applicarsi nel contesto di un conflitto reale. In un’epoca violenta, in cui sempre più si sente l’esigenza di trovare una soluzione pacifica ai conflitti, il successo di questo approccio potrebbe avere implicazioni globali. Cosa ne sarà della pace se i movimenti politici non-violenti falliranno? Di fronte a una Cina che vuole sempre più affermarsi, il caso del Tibet lancia al mondo una sfida ad unirsi per trovare il coraggio di mettere in pratica questi principi.

Siamo incoraggiati per avere assistito, negli ultimi anni, a un crescente sostegno nei confronti dell’Approccio della Via di Mezzo. Per dare maggior forza a questo sostegno abbiamo creato il presente sito web che contiene nuovi concisi documenti e filmati (Nota Informativa, Cronologia, FAQ), tratti dal materiale esistente sull’Approccio della Via di Mezzo. Aiutateci a diffondere il nostro messaggio di pace condividendo questi documenti sui vostri network.

L’Amministrazione Centrale Tibetana (CTA) è profondamente impegnata nel sostenere l’Approccio della Via di Mezzo e continuerà a portarlo avanti, basandosi su quanto già costruito dalle precedenti amministrazioni, affinché la libertà possa al più presto essere ripristinata in Tibet.

Dott. Lobsang Sangay
Sikyong

Politica Middle Way e All Recenti Documenti Correlati

Nota Informativa
Domande Frequenti
Sequenza Temporale